Skip to content

Cose che ho imparato nell’ultimo anno

20 aprile 2014
by

Con il voto favorevole del Senato per la riforma 416ter la settimana scorsa ho coronato il lavoro di oltre 400 giorni e allo stesso tempo il successo più importante della mia vita professionale fino ad oggi (si spiega perchè non ho avuto tanto tempo per postare, ma ne è valsa la pena).

Ecco una lista di cose che ho imparato durante questi mesi:

– È più importante ciò che importante di ciò che urgente.
– Pensa sempre al di là di ciò che sembra possibile in un dato momento.
– Non si dovrebbe mai sacrificare troppo la propria vita privata
– non sempre è possibile non sacrificare la vita privata.
– Se sei a capo di un progetto quasi sicuramente non stai dando abbastanza fiducia al tuo team.
– L’80% delle volte non è mancanza di fiducia, è incapacità di delegare.
– L’80% dei risultati li ottieni in preproduzione.
– L’80% delle volte sottostimi la preproduzione perché stai facendo qualcosa di urgente.
– L’80% del lavoro è fatto dal 20% del tempo.
– Senza fortuna nulla è possibile
– every dog has his day.
– Quando ascolti della musica cerca di non pensare ad altro.
– Finisci ciò che hai cominciato
– non combattere battaglie perse.
– Non potrai mai fare nulla da solo
– con chi è simile a te potrai fare cose che altri hanno già fatto
– con chi è diverso da te potrai fare cose che nessuno ha mai fatto.
– Calm the fuck down.
– Non è vero che non hai un ora al giorno per fare sport. Se ce l’ha Obama e tu non ce l’hai, il problema sei tu.
– Chi non sa prendersi momenti di vacanza non sa vivere
– non sempre è possibile prendersi vacanze.
– L’80% dei tassisti prova sentimenti di ostilità nei tuoi confronti. Tu ricambiali
– l’amore al lavoro esiste in quantità limitata. Usalo per il tuo team.
– Si diventa vittime del successo quando lo si vive come fine
– il successo sono difese che si accumulano per quando, inevitabilmente, prima o poi infurieranno tempeste
– per quanto assurdamente violento, aspro e tragico possa essere il destino, potrebbe anche andare peggio.
– Il lavoro aiuta a modellare il destino rendendo belle cose che erano brutte ed evitabili errori che sarebbero invece stati commessi
– il lavoro sottrae un certo grado di umanità alle relazioni
– Se lavori con un team remoto usa un task manager. Cambialo ogni volta che credi sia necessario.
– Ogni volta che sai di aver sbagliato chiedi scusa.
– Avere dei nemici è inevitabile. Diffida da chi non ha nemici.
– Il tuo io è il tuo peggior nemico
– L’io degli altri è tuo alleato
– Non attaccare l’io dei tuoi nemici
– Rispetta i tuoi nemici con lo stesso rispetto che usi per coloro che ammiri
– Diventa più forte dei tuoi nemici e più bravo di coloro che ammiri.
– Incoraggia le critiche nei tuoi confronti
– Sii spietato con chi si lamenta
– Una combinazione sufficientemente vasta di soft skill costituiscono una hard skill.
– Parla con i tuoi lavori come alcuni parlano alle piante. Fagli tutte le domande che ti vengono in mente.
– Ringrazia in ordine di apparizione e non in ordine alfabetico.

Un grazie a tutti quelli che hanno reso possibile e che continuano a rendere incredibile questa avventura:

Salvatore, Leonardo D., Andrea, Valentina, Laura, G., Lele, Claudia, Leonardo F., Simonetta F., Francesca B. Federico, Manu, Silvio, Enrico, Angelo, Luigi, Laura P., Michi, Angela, Daniele, Mara, Sedef.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: