Skip to content

Kony 2012

11 marzo 2012
by

Non trovo il dato ufficiale, ma ad occhio e croce il video Kony 2012 detiene il record di video con la crescita più rapida della storia di Youtube. Oggi il documentario/campagna ha raggiunto 70ml. Penso non sia azzardato dire che siamo di fronte ad una pagina tanto della storia di internet, quanto delle pratiche politiche. Fra tutti, il dato che mi pare più saliente e’ che l’obiettivo di massima che l’organizzazione si era data era di bucare il traguardo del mezzo milione. Ho come l’impressione che nessuno, nemmeno Youtube stesso, avesse potuto prevedere un fenomeno simile.

Annunci
8 commenti leave one →
  1. 11 marzo 2012 18:59

    A me basta sapere che all’Aja aspettano di processare questo Kony, e spero che lo facciano presto. Se questo video servirà allo scopo, ben venga. Non posso però fare a meno di pensare ai limiti delle campagne virali. Insomma, non c’è quasi nessuno che si inculi l’Africa e i suoi macellai. A un certo punto arriva l’ammarigano col figlioletto biondo, mette il video su youtube e fa diventare Kony il nemico pubblico n.3, dopo Hitler e Bin Laden. Rimango un po’ disorientato, diciamo.

    • 14 marzo 2012 09:59

      da qualche parte bisogna pur cominciare!
      ho sinceri dubbi però che questa singola campagna possa sensibilizzare l’opinione pubblica sui più generali drammi della vita politica e sociale africana; per me dell’Africa continua a non fregare niente a nessuno come testimoniano il disinteresse per la situazione della Somalia, per il casino dello Zimbabwe e per qualche altro bel conflitto di cui non si sente mai parlare.

  2. 14 marzo 2012 10:04

    Si’ ad essere onesto io sono il primo che se ne frega completamente dell’Africa. Pero’ tu citami un solo caso di campagna/documentario che partendo dalla base abbia raggiunto una audience di 70ml di pubblico. Siamo nati in un mondo in cui quello che non passava in TV non esisteva, ora quel mondo e’ finito. E’ sicuramente una frustrazione in meno, non trovate?

    • 14 marzo 2012 14:40

      @Eugenio:
      hai ragione, anche se, per fare un esempio, l’esposizione televisiva non ha impedito a Ratko Mladic di vivere protetto dai suoi per quasi quindici anni. Al di là della campagna su Kony, del cui successo mi rallegro, pensavo agli usi nefasti del mezzo. Ovviamente siamo fortunati a vivere nell’epoca della Rete, epperò negli anni ci siamo tutti accorti di come alle infinite possibilità corrispondano infiniti rischi e di come il rapporto segnale-rumore sia diventato ingovernabile. Un esempio ce l’abbiamo proprio qui col commento di “tnepd”, sorta di aggregatore di troiate complottiste e criptonazismo ripulito. Quel genere di roba che nelle classifiche di traffico sta appena sotto il porno…se non si fa un po’ di formazione ‘fuori’ dalla rete, quel genere di “informazione” può fare (e sta facendo) grossi danni, imho.

      • 14 marzo 2012 16:05

        No io non sono d’accordo. La spazzatura di internet viene pulita. Le troiate criptonaziste hanno le gambe corte. La qualita’ alla fine vince sempre. Prendi Wikipedia che potrebbe tranquillamente essere uno schifo, dando voce a tutti, e che invece e’ una perla dell’umanita’.
        E se e’ vero come si dice che le madri degli stronzi sono sempre incinte, anche le mamme della brava gente hanno una buona fitness, dai.

        E comunque hai ragione a parlare di formazione. La rete puo’ informare ma non potra’ mai formare. Nulla sembra poter formare se non il rapporto diretto uno a uno / uno a pochi. Mi sa che di agenzie come la famiglia e la scuola non ce ne libereremo mai 😀

        • 14 marzo 2012 16:59

          Massì, è probabile che certi fenomeni di rincretinimento di massa siano frutto del contesto in storico in generale, e il mezzo c’entri relativamente. Se la spazzatura passa così tanto in Rete è perché sono già mancati gli anticorpi necessari…famiglia e scuola, accidenti se sono importanti! Quando si è usciti di casa è già troppo tardi: penso a certi amici e conoscenti iperspecializzati, infinitamente più colti di me, che me li hanno triturati a forza di club bilderberg e scie chimiche…

          • 14 marzo 2012 17:29

            I migliori della nostra generazione se li sono portati via le scie chimiche, l’eroina dei giorni nostri 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: