Skip to content

il cinema di Bondi

20 agosto 2011
by

Quando si vedono film come Corpo celeste, opera prima della già acclamata Alice Rohrwacher, che spacciano per profondità intellettuale i più banali luoghi comuni del giovanile furore anticlericale (la Chiesa quale istituzione irrimediabilmente corrotta e la religione come rifugio degli “umili”), le più trite ovvietà sulla difficoltà di essere donne e bambine in un contesto degradato come la periferia di Reggio Calabria, vien quasi da pensare che l’ex ministro Sandro Bondi avesse ragione quando denunciava l’arretratezza del cinema di sinistra italiano, le sue storie ombelicali, la sua incapacità di saper parlare ad un vasto pubblico fuoriuscendo dagli schemi del presunto pensiero critico.

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 20 agosto 2011 12:49

    Non so cosa ha detto di preciso Bondi (ma immagino fosse semplicemente un rantolo per giustificare il taglio dei fondi alla cultura) e non ho visto ancora Corpo celeste (su cui riponevo buone speranze), ma a parte questo è vero. Il cinema italiano della nuova generazione di registi 20-30enni è drammatica. Anche nel caso di commedie 😛

  2. 20 agosto 2011 15:43

    Grazie per il commento Francesco. Non ricordo le parole precise di Bondi perché non credo il ministro abbia mai detto nulla di memorabile. Ed è stato forse solo per caso che gli è capitato di infilare alcuni calzanti giudizi su certo cinema italiano ripiegato totalmente su se stesso, genericamente da lui indicato come cinema “di sinistra”. Non credo si faccia un torto alla Rohrwacher dandole l’etichetta di regista impegnata de sinistra, di quelle convinte di dire cose intelligenti e progressiste nonostante il ricorso ad argomenti banali e “facili”. Io non sono credente né ho particolare consonanza di vedute con la gerarchia ecclesiastica, ciononostante gridare alla Chiesa corrotta, alla religione come destino dei creduloni ritengo sia il frutto di una riflessione semplicistica e manichea che va di pari passo con chi giudica i politici tutti egualmente corrotti, con chi ritiene i meridionali pigri e intrallazzoni o gli immigrati ladri e stupratori. Non vedo differenze tra la semplificazione leghista e la banalizzazione di un’intellighentsia di sinistra che ha messo da parte il pensiero critico.
    Sul cinema italiano, non sono sempre d’accordo coi suoi detrattori: ho visto film interessanti di giovani registi (generazione dei 40enni, direi) e mi pare sia molto più vivo di quanto non voglia la vox populi. La Rohrwacher, però, è un’eccezione!

  3. leppie permalink
    3 settembre 2011 14:21

    Se però non ricordo male Bondi commentò così la partecipazione a Cannes di Draquila, che è un documentario.

    Sul cinema italiano il problema è che vengono pompati solo i cinepanettoni, per cui ad essere noti sono questi, i nomi stranoti (Moretti) o i film eccellenti (Sorrentino, Garrone).

    C’è un bel po’ di cinema di buon artigianato che non si riesce a vedere se non nelle rassegne. Poi c’è pessimo cinema…

  4. 5 settembre 2011 09:48

    ecco, non so che ne pensi tu ma Corpo celeste va rubricato alla voce pessimo cinema

  5. leppie permalink
    6 settembre 2011 00:11

    Ho appena scoperto che Corpo celeste era all’ultimo «Cannes e dintorni» a Milano, e che l’ho messo tra quelli da non vedere (a causa di costi non più sostenibili) .

    Dopo anni di rassegne ormai ho un fiuto infallibile per i pacchi.

  6. 6 settembre 2011 00:28

    soldi ben risparmiati! ho appena dato i voti ai film visti quest’anno (non molti, a dire il vero) e Corpo celeste è di gran lunga il più modesto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: