Skip to content

La città, dalla culla alla tomba (o forse per la culla e per la tomba)

21 luglio 2011
by

Ora mi è chiaro perché a Genova si trovano bene soprattutto i bambini e gli anziani mentre gli altri (sarà l’atmosfera poco frizzante, la mancanza di lavoro, la qualità della vita non sempre eccellente) sono costretti ad emigrare: è la stessa amministrazione comunale convinta che in città ci siano solo over 64enni o under 16enni. Basta guardare il grafico qui accanto, realizzato in occasione del nuovo PUC (piano urbanistico comunale) destinato a disegnare il futuro della città. Una città, evidentemente, per bambini e per vecchi!

Annunci
4 commenti leave one →
  1. leppie permalink
    21 luglio 2011 18:42

    Oh, ancora qualche anno e mi trasferirò a Genova…

  2. leppie permalink
    21 luglio 2011 18:43

    Leggendo poi un post precedente, penso che Genova sia adattissima a me.
    Città per vecchi senza nessuno che venga a romperti i coglioni per fare amicizia…

  3. 21 luglio 2011 18:46

    ah, ecco come fanno a prevedere un aumento della popolazione: campagne “acquisto” tra i milanesi invecchiati!

  4. 21 luglio 2011 18:49

    no no, al massimo ti rompono i coglioni perché hai fatto troppe amicizie, non certo perché non ne hai fatto nessuna: quella è la norma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: