Skip to content

24 ottobre 2007
by

Su questo blog si va pazzi per i complotti. E dove non si riesce a smascherare la teorica del complotto, ci lasciamo cullare volentieri dalle sue irragionevoli ragioni. Ad esempio, cosa avrà portato Fabio Mini, valente e analitico generale dell’esercito italiano, a scrivere questa allusiva chiusa ad un suo articolo sul mestiere del mercenario?:

"Mentre i poveracci senza lavoro e senza scrupoli cercano ingaggi che li salvino dai debiti e dalla noia, i ragazzini più assidui delle sale giochi e delle playstation sono tragicamente attratti dalla violenza e dalla potenza delle armi con le quali giocano e ammazzano (per gioco?). Il videogioco, da parte sua, promette e trasmette emozioni violente, massiccia interazione con l’ambiente, flessibilità e potenza di fuoco illimitata.  (…) Le industrie di videogiochi e quelle televisive e cinematografiche di rete o senza rete hanno già cominciato la loro guerra psicologica e stanno addestrando al "fai da te" del’odio e della violenza mercenaria i nostri figli e nipotini. Così, per divertimento. Forse".

da Repubblica, 19 ottobre 2007, p. 45.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 26 ottobre 2007 12:36

    A mio parere doveva arrivare in fondo alla pagina.

  2. 26 ottobre 2007 13:48

    sei il solito guastafeste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: