Skip to content

l'ideologo della posta dei lettori

6 gennaio 2006
by

Chi scrive alle rubriche di posta dei giornali, si sa, spesso è un rompiballe. Ne sa qualcosa Lucia Annunziata che non molto tempo fa decise di sospendere per un giorno la sua rubrica sulla Stampa per protestare contro lettori che non fanno che lamentarsi, inveendo con aggressività e rozza ferocia contro il prossimo. Ancora più spesso, però, chi risponde ai lettori dalle pagine dei giornali è ben  più lamentoso e noioso degli stessi estensori delle missive al vetriolo. Un caso da manuale è Corrado Augias, elegante, snobbissimo e moralisteggiante firma della Repubblica. L’irritante radical-chic, che un mese fa irrise Berlusconi reo di aver preferito alla prima della Scala, da sempre falsissima vetrina di politici, industrialotti e starlette, uno spettacolo di Montesano, trionfava ieri sulle pagine del suo giornale in un’invettiva contro la maleducazione degli italiani. In risposta ad una pedante lettrice che si lamentava degli italiani sgarbati, sempre pronti a dare del "tu" e a rispondere con cafonaggine anche in situazioni formali, il nostro fine scrittore rincarava la dose sostenendo che tutto ciò all’estero non esiste, che solo in Italia regnerebbe una siffatta rilassatezza di costumi.

Quale sarà la colpa di tutto ciò, per il nostro acuto beniamino? Indovinate un po’?

Ma certo, è la tv, la vera responsabile. Da che ne consegue: 1) che Augias è il più ignorante dei presunti giornalisti di casa nostra; 2) che non ha mai visto la volgarità della tv francese, inglese e americana, paesi in cui, a suo dire, la cortesia "popolare" sarebbe ancora di casa; 3) che anche questa volta può centrare il suo vero bersaglio: è sottinteso che la tv sia degenerata a causa del berlusconismo, a causa di un fetente che all’opera, che scandalo!, prefererisce il varietà.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. anonimo permalink
    13 gennaio 2006 18:50

    non vorrai pero’ dirmi che la nostra televisione sia educativa, Augias a parte (che peraltro apprezzavo tantissimo lustri fa su rai tre con telefono giallo)il panorama televisivo nostrano oltre a 4 starlette, due culi, 3 piagnistei sull’ isola, 5 giornalisti sul libropaga del berlusca e una finta satira (anzi NON satira ma sfotto’) di gialappas e striscia offre davvero di nullaltro; parafrasando di nulla e di piu’ !

  2. anonimo permalink
    13 gennaio 2006 18:51

    scusa ma continuo a risultare anonimo ma anonimo non sono !
    cordialmente Carter

  3. 14 gennaio 2006 01:53

    non volevo certo difendere la tv italiana, mio caro carter. ma vorrei smentire la presunta anomalia italiana (a cui si riferisce esplicitamente la risposta di augias) e che vedrebbe il nostro etere impareggiabilmente più diseducativo di quello inglese o francese o americano.
    questa è una balla colossale che si regge in piedi solo per far raggiungere ad augias il suo scopo: sostenere che questa anomalia, l’irrompere cioè dell’osceno nel mondo della tv, sia solo dovuta a berlusconi, suo nemico politico.
    se vogliamo fare gli snob fino in fondo, io per esempio la tv quasi la tengo spenta, ma evitiamo di inventare panzane ad uso e consumo dei lettori della “repubblica” della moralità.

    come si sta nell’ufficio nuovo?

  4. 16 gennaio 2006 17:06

    Ok Ok la tv italiana fa schifo, quella americana pure, quella francese anche, pero’ pero’ mio caro io che di televisione ne vedo forse meno di te posso dirti che via satellite quelle (poche) reti in chiaro come bbc world e bbc prime non sono mica male, anzi !!!!! hanno una fiction che noi ci sognamo, approfondimenti sui fatti del giorno che manco la storica rai3 ai tempi di telekabul ….. non facciamo di ttta l’erba un fascio (che gia’ di fasci qui alla porta ne abiamo eccome !) Augias potra’ pure starti antipatico ma se la nostra televisione e’ cosi’ simile (in negativo) alle altre in europa non possiamo certo dar la colpa a lui ! La domanda nasce spontanea: “a chi allora ?” “qualcuno che comincia per b e finisce per i ? E se Augias avesse ragione ?
    Il nuovo ufficio e’ splendido, una volta passa a trovarmi !

  5. 18 gennaio 2006 23:54

    Nonnò, non sono d’accordo.

    Se la sinistra ha un merito, è stato quello di aver portato a compimento la devastazione della rai tra il 96 e il 2001.
    Ci lamentiamo che non sono riusciti a fare niente, non è vero.
    Potevano creare una vera tv di cultura ed intrattenimento, dare lavoro a sceneggiatori, artisti, giornalisti e lasciarci con un bozzolo di tv innovativa. Una cosa che sarebbe stata -visto il poco tempo- incompiuta.

    Hanno giustamente preferito portare a termine almeno un progetto, e hanno fatto terra bruciata.

    Leppie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: