Skip to content

xx settembre

20 settembre 2005
by

135 anni sono passati da quel 20 settembre in cui Roma divenne capitale italiana. Nonostante ogni giorno ci capiti di solcare, in una qualsiasi delle nostre città, strade a quell’evento dedicate, di quella giornata di brevi scontri tra gli zuavi pontifici e i bersaglieri reali, non resta che uno sbiadito ricordo. Da una parte, il tempo che passa e fa dimenticare, e, poi, la mancata costruzione di una memoria nazionale; dall’altra, l’emergere, con prepotenza, di quello spirito clericale che per decenni ha visto nell’annesione di Roma al Regno d’Italia e nel venir meno della potestà temporale del papa un segno demoniaco. Potrei, banalmente, citare gente come Ruini, che del cavouriano motto “libera chiesa in libero stato” sembra infischiarsene altamente. Perché, invece, non parlare di quanti, in nome di un cattolicesimo retrivo e antimoderno, continuano a fare del Risorgimento e dell’Unità d’Italia manifestazioni del potere massonico, espressioni della violenza di una minoritaria élite presunta liberale ai danni del valoroso Stato della Chiesa che alle libertà civili teneva in special modo? Si chiamano Antonio Socci, Angela Pellicciari, Rino Cammilleri, Rocco Buttiglione i censori dello spirito moderno, autori, coautori, difensori di spazzatura storiografica che tenterebbe, faticosamente, di dimostrare che il Risorgimento non è stato altro che una battaglia (liberal-massonico-giudaica, ovviamente) contro la Chiesa e che l’Unità d’Italia è stata voluta, solamente, dai veri nemici del popolo. Che dire di chi ha fatto l’apoteosi (i sunnominati) e di chi ha fatto santo (Wojtyla) Pio IX, figura storica certo complessa ma non per questo degna di tutto questo favore, proprio colui che in un sol colpo, nel suo Sillabo, derise e lanciò anatemi contro democrazia, socialismo, liberalismo, modernità, offrendo, come modello di virtù politica, l’asfittico ed arretratissimo Stato della Chiesa. Il Risorgimento ha una storia piena d’ombre e non si può negare che l’anticlericalismo del nuovo stato abbia contribuito, certamente, a creare una lacerazione profonda nella società italiana; ma che si scelga di elogiare Pio IX e che il cattolicesimo sia sempre più spesso rappresentato da personaggi alla Socci e compagnia cantando, la dice molto più lunga sullo spirito dei tempi che non cento discorsi del reverendissimo Ruini.

Annunci
19 commenti leave one →
  1. 20 settembre 2005 17:44

    condivido e sottoscrivo.
    segnalo che Ciampi oggi ha ricordato il 1870 e Рsi parva licet Рche Cammilleri ha due emme nel cognome e non ̬ parente di Andrea Camilleri

  2. 20 settembre 2005 17:51

    OGGI E’ LA GIORNATA DEL RISPARMIO SULLE DOPPIE: UNO E’ CAMMILLERI E L’ALTRA E’ PELLICCIARI. BATTERE SU QUEI TASTI DEL PC…E’ UNA FATICA…

  3. 20 settembre 2005 20:00

    Censori?
    Vengono sfottuti a destra e a manca, perdono il lavoro, non vendono un cazzo di libri… ve li cagate solo voi (ateacci bastardi) quando dovete ricamare un po’ di merda sui cattolici.

    p.s. Ruini non ha mica un esercito, non ha mica un seggio alla camera! Ruini dice quello che pensa. Se io dicessi che secondo me non si deve girare in mini gonna ma tutte col velo celeste tipo Madonna di Lourdes, sarei contro il libera chiesa? Libera chiesa vuol dire libera di parlare e di dire quel che vuole, no? Sono sicura che avrai delle argomentazioni molto più forti delle mie: tirale fuori!

  4. 20 settembre 2005 21:14

    ditiramba, mi pare tu sia un po’ su di giri. non sono né ateo né bastardo (credo), mentre tu, direi alquanto disinformata (e, lasciatelo dire, pure volgarmente gratuita nelle tue espressioni). c’è solo da ringraziare il cielo che i libri dei vari socci e cammilleri e pellicciari non vendano visto che si tratta di opere dal nullo valore storico. E questo, non perché siano lavori di mano cattolica (perché ci sono fior fiore di eccellenti storici cattolici, uno per tutti Giorgio Rumi che non fa certo parte dell’ala progressista, per di più) ma perché sono lavori propagandistici in cui viene distorta la verità storica. Potrei citarti mille esempi, il più eclatante dei quali è che molti di coloro i quali fecero l’Italia erano PROFONDAMENTE cattolici. Non per questo, ritenevano sensato che il Papa mantenesse un controllo territoriale ed impedisse il compiersi dell’unità del paese (sarebbe stata meglio un’Italia divisa in staterelli?).

    Sui licenziamenti, la solita balla da visionari perseguitati: socci è editorialista di vari giornali (Giornale, panorama, il foglio) nonché vicedirettore di rai 2. un disoccupato? lo stesso per la pellicciari e cammilleri, a loro volta editorialisti di quotidiani e i cui libri vengono editati da Piemme, una delle più grandi case editrici italiane, e non dalle edizioni di vattelapesca. se poi non vendono, è perché scrivono cazzate.

    ultimo punto: io non sono di quelli che pensa che si debba mettere un bavaglio alla chiesa. se prima di dire stupidate ti informassi, scopriresti che in passato, su questo blog, ho persino salutato con favore l’elezione di ratzinger. ciononostante, non prendiamoci in giro, si sa benissimo che ruini tende ad incutere paura alla classe politica, brandisce la spada dell’elettorato cattolico che a tutti fa gola, minaccia di spostarlo a destra e a manca. non stiamo a raccontarci favole che forse ci credi solo più tu.

    comunque, dando dell’ateo bastardo a chi non la pensa come te non fai altro che confermare che la tolleranza, per cattolici da strapazzo come te, è lungi dal costituire un valore. E che lo spirito dei tempi si vede pure da gente così.

  5. 20 settembre 2005 21:30

    Mi ero dimenticata di fare così :-p dopo “ateacci bastardo”… si sarebbe capito che il tono era del buttare in vacca.

    Per il resto, sì, ecco un paio di argomentazioni un pochino più forti.

    Posso chiedere aiuto a GiamboJet?

    Scherzi a parte, il fatto che Ruini manovri l’elettorato cattolico non è una “colpa” di Ruini… se di “colpa” si tratta, è tutta dell’elettorato cattolico (ma secondo me non si tratta di colpa).
    E se incute paura alla classe politica è perchè la classe politica ha più l’occhio ai sondaggi che non ai programmi (atteggiamento normale in tempi di quasi campagna elettorale, ma comunque poco onorevole.)

    Pace?

    Chiedendo scusa a tutti gli ateacci bastardi ;-p ammetto di non aver mai letto… un libro di Socci e di aver cominciato e poi cestinato un libro di Camilleri (con quante emme?)…
    E poi la Piemme pubblica anche la MelissaP dei cattolici, cioè la Borghese, cioè cani e porci…

    Pace Pace Pace

  6. 20 settembre 2005 22:52

    e sia pace, ditiramba. anche perché l’umiltà è uno degli insegnamenti cristiani che più apprezzo. e, in questo caso, ti fa onore.

    che cos’è ;p? ché io ci ho messo degli anni a capire 🙂 e ;), figurati quelli composti.

    ti eri sparata molti spritz prima di accedere al mio blog? 🙂

  7. 21 settembre 2005 11:05

    He, ma a me lo spritz neanche piace… è Giambo quello dello spritz!

  8. 21 settembre 2005 14:46

    Per chi volesse godere di alcuni sublimi articoli di Socci e Pellicciari e Rino Cammilleri (e compagnia cantando), segnalo questo link

    http://www.kattoliko.it/leggendanera/controstoria.htm

    in particolare questo

    http://www.kattoliko.it/leggendanera/inquisizione.htm

    e quest’altro

    http://www.kattoliko.it/leggendanera/galileo.htm

    due pezzi assai pregevoli per clamorosa comicità involontaria (insomma, divertentissimi).

  9. 21 settembre 2005 16:23

    caro shylock, mi permetto di intervenire nel dibottito con la gentile ditiramba.

    sono d’accordo con lei che ruini può dire quello che pensa, e infatti secondo me la “colpa” (io direi “responsabilità”) è della classe politica che preferisce assecondare le burocrazie vaticane per non mettersele contro invece di impegnarsi seriamente a conquistarsi il voto con i programmi.

    io continuo a credere che la maggior parte dell’elettorato vada a votare non per imporre il proprio modello etico di società ma per sostenere delle riforme e un governo che diano slancio al paese migliorando le condizioni delle persone.

  10. 21 settembre 2005 17:21

    …cazzarola che fuffa che ho scritto.

  11. 21 settembre 2005 18:49

    😛 è la linguaccia. Basta che rigiri tutte le emoticonsdi 90° verso destra (senso orario) e con un po’ di fantasia le capirai tutte 😉 ;P
    Ciao ciao 😀

  12. anonimo permalink
    22 settembre 2005 13:38

    complimenti Shylock!!!!!
    ho passato la mattinata a leggerti.
    ho letto anche le schermaglie della tua ultima pubblicazione a cui accodo questo msg, io non ho commenti dal basso dalla mia semplicita di uomo are, ere, ire spero di averti a cena la prossima settimana fammi sapere quando sei disponibile!
    un saluto ale

  13. 24 settembre 2005 12:20

    alle primarie voto martino!

    no martino no polo!

  14. 24 settembre 2005 20:39

    sono tornato pronto per le risposte a tutti i miei cari visitatori:

    per avy – pienamente d’accordo con te, la classe politica italiana è spesso pavida e servile di fronte ai leciti (ma sgradevoli, certamente) diktat d’Oltretevere.

    per esperimento: grazie. Non è che mi dai un po’ di lezioni di emoticonaggio?

    per l’anonimo ale: non hai nulla di meglio da fare che perdere la mattina dietro a Shylock? 🙂 (alemo questo l’ho imparato). Grazie e a presto, c’ho già una fame…

    per creonte: martino è una brava paersona. Peccagto che abbia dimostrato di non contare nulla. Non si candida, non illuderti.

  15. 24 settembre 2005 21:05

    ah, mi ero dimenticato licenziamento: socci è involontariamente comico anche solo a vederlo, con quell’enfasi da neo-crociato e quell’epsressione da santa maria goretti con lo scudiscio.

  16. 26 settembre 2005 12:45

    Eh non è che io ne sappia tantissimo di +. Comq. tu prova a chiedere 😉

  17. anonimo permalink
    28 settembre 2005 00:18

    Questo post è molto duro. Posso capirlo, anche a me sconvolgono certe prese di posizione e vorrei che non si mischiasse mai la religione alla politica. D’altra parte sono convinto che ciascuno abbia il diritto di prendere posizione in ogni materia. Anche se credo che le dichiarazioni degli esponenti della Chiesa e dei loro discepoli, non facciano sempre il bene dell’Italia, a differenza di quanto ho sentito oggi, non credo nemmeno che sia giusto censurare. detto questo non ci vedo niente di morale nel dire che l’aids si sconfigge con l’astinenza dal sesso o che tutti dovrebbero unirsi in un matrimonio eterosessuale.

  18. anonimo permalink
    29 settembre 2005 15:37

    dissento!!!
    dissento con il NON trovare immorale che si possa sperare anche solo lontanamente di superare un problema come quello dell’aids suggerendo l’astinenza. Trovo che chiunque abbia una briciola di morale affrontando un tema delicato come l’adis non trovi naturale pensare che la malttia e il suo diffondersi si combatte finanziando la ricerca (*) e informando le nuove generazioni sull’uso dei presidi sanitari e sulle pratiche che preservano dal contagio.
    ALEG
    (*)a questom proposito vorrei segnalre quanto segue SI RACCOLGONO ADESIONI PER PROPORRE UNA LEGGE CHE
    PERMMETTA DI DEVOLVERE ALLA RICERCA IL FAMOSO 8/1000.
    Per maggiori info e per aderire vedere il sito:

    http://www.clubfattinostri.it/8×1000/index.htm

    Occorre un milione di adesioni: se sei d’accordo
    diffondi questo messaggio.

  19. 15 settembre 2007 18:59

    Il risorgimento in realtà si deve chiamare l’agnentamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: