Skip to content

Quanto vale l'alibi del Vaticano

12 luglio 2005
by

Per considerare appieno l’ultra-cattolicesimo del nostro cattolicissimo paese, date un’occhiata all’atteggiamento del Parlamento e dell’opinione pubblica nei confronti dei nostri detenuti.
Ci fu una visita del Papa al nostro Parlamento. Erano bei tempi, viveva un papa capace di uscite clamorose, di considerare le persone, la loro sofferenza e la loro perfettibilità più di certi pruriti inquisitori e di certe intollerabili ingerenze in affari stranieri. Era un papa che sapeva stupire per la sua concretezza. Chiese clemenza per i carcerati, che vuol dire una cosa precisa: fare uscire dal carcere quelli che non sono pericolosi per la società, per far respirare il giusto quelli che ci devono restare. I nostri parlamentari applaudirono commossi, alcuni si sarebbero inginocchiati per l’emozione. E poi non fecero niente. Lo stesso, la stampa nazionale s’è dimenticata di quella storia, anche in questi giorni, che in Parlamento si rischia di approvare una proposta normativa che va nella direzione opposta a quella indicata dal papa.  
Fortuna che c’è l’associazione Antigone, con un sito dove si può capire di cosa tratti la proposta 
Cirielli – Vitali. "Le norme sulla recidiva – ha dichiarato Patrizio Gonnella, dell’associazione – manderanno in galera migliaia e migliaia di persone in pochi mesi. Il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria si troverà a gestire un sovraffollamento senza speranze. Per costruire un carcere ci vogliono in media dieci anni. Dove verranno messi i detenuti nel frattempo? Già oggi sono 17 mila in più rispetto ai posti letto regolamentari. La ex Cirielli – Vitali è l’esatto opposto di quella clemenza che Papa Giovanni Paolo secondo ha inutilmente chiesto al Parlamento riunito e prono ai suoi piedi".
Per dire, quanto sa essere cattolico e schiavo del Vaticano il nostro amaro paese
.

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 13 luglio 2005 09:26

    Strano che i Leghisti non abbiano ancora proposto la ghigliottina o lo scioglimento nell’acido per i detenuti in sovrappiù. Se ne può sempre parlare.

  2. anonimo permalink
    13 luglio 2005 09:50

    Shylock, ti dico io dove arrivaranno; carceri private.

    Leppie+

  3. 13 luglio 2005 13:16

    Se li scigli nell’acido, poi non puoi espiantare gli organi. Proporranno senza dubbio la ghigliottina.

  4. 17 luglio 2005 21:42

    ehi, io non metto in carcere nessuno, nemmeno antigone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: