Skip to content

quando si dice freud

6 giugno 2005
by

Mentre in libreria James Hillman decreta il fallimento della freudiana psicanalisi (proponendo, però, i rimedi per rilanciarla), le pagine della stampa italiana segnano il trionfo della dinastia freudiana. Tra qualche giorno, infatti, a Venezia aprirà una retrospettiva dedicata a Lucian Freud, ottuagenario nipote di Sigmund, il più noto e celebrato artista inglese vivente, autore di inquietanti e cupe rappresentazioni di miseria disperazione e apatia. La di lui figlia, Bella, dopo un passato dannato di sex and drug (e forse rock and roll), è un’apprezzata stilista cui la rivista D dedica un appassionante ritratto. Ma anche l’ultima generazione non se la passa male: Il Venerdì celebra infatti Mary Cornet, nipote di Lucian, trentenne di belle speranze, artista concettuale che espone, in questi giorni, la sua opera. Alla Galleria h di Milano.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 8 giugno 2005 13:46

    Esiste un mondo parallelo libero dai “figli di”, “nipoti di”, “parenti di” ?

  2. 8 giugno 2005 15:05

    gli italiani sbeffeggiano gli homini novi perché amano troppo le dinastie: sia che si tratti di quella di gianni agnelli che di quella di ornella muti o di al bano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: