Skip to content

11 marzo 2005
by

In Italia, tra i filosofi super star, abbiamo Massimo Cacciari. Di lui conosciamo i dispettucci veneziani degli ultimi giorni ed un presunto flirt con Veronica  Lario, bionda e prorompente first donna meneghina. Di Gianni Vattimo, nichilista in quota comunisti italiani (come lo vedreste Heidegger accanto a Cossutta?), si sa quel che sbandiera, con gioia, a tutti i giornali: e cioè che se la fa coi cubisti, che ha accompagnato alla tomba svariati amanti… Ma che dire, la Francia, ci batte sempre. Loro sì che i philosophes li trattano a dovere. Scopro, dal Foglio sabatale, che l’odiato Bernard Henry Lévy, sommo teorico di qualsiasi cosa (e possibilmente ogni cosa che sia l’opposto dell’altra) in questi anni ha messo da parte un cospicuo patrimonio che gli permette di girare con l’aereo privato, di mantenere residenza a Marrakesch con 14 servitori, due hotel particulier nel centro di Parigi (leggasi villona stile Parioli), palazzo a Tangeri (molto chic ed un pò beat) e fattoria di 10 ettari alle Seychelles (ma dieci ettari non sono tutte le Seychelles?). Ora, tutti sparlano di lui, ed escono sette libri in contemporanea su di lui, compreso, il più affettuoso, quello della figlia che, tra l’altro, racconta, come Carla Bruni le abbia soffiato il fidanzato, ovviamente, uomo très intellectuel… Da non perdere!

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 11 marzo 2005 12:23

    In queste cose che racconti ci sta l’atmosfera del film di Valeria Bruni, la sorella di Carla. Io non capisco perchè il tema dei ricchi disagiati mentali col senso di colpa debba tanto affascinare i produttori di cinema. Che già ci bastano i miliardari disturbati in carne e ossa. Pure nei film. Basta.

  2. 11 marzo 2005 12:38

    No.Il gossip fa bene. Ancora!

  3. shylock permalink
    11 marzo 2005 12:57

    il film di valeria bruni tedeschi dimostra varie cose: che la maggior parte degli attori che tentano il grande salto diventando registi sarebbe meglio non lo compissero; che c’è un nuovo genere cinematografico che tira: quello dei ricchi e famosi che però sono tanto schivi e timidi e vivono con vergogna la loro ricchezza e che dietro agli stucchi alle pareti e ai damaschi alle finestre delle loro case (rigorosamente nella rive gauche) si nasconde un cuore rosso ribelle e rifondarolo

  4. shylock permalink
    11 marzo 2005 13:01

    e poi, ora che dagospia è stato sdoganato a livello planetario (di lui hanno parlato Herald Tribune, der Spiegel e qualcun altro) gossippare sarà finalmente tanto politicamente corretto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: